Chegada
Saida
|
|
|
|
|
ITA | ENG | FR | DE | RU | CH

Il Parco di Colfiorito


Il Parco di Colfiorito

Il parco di Colfiorito è il più piccolo parco regionale dell'Umbria. Situato sull'Appennino umbro-marchigiano, il parco comprende i Piani di Colfiorito o Altopiani Plestini (Colle Croce, Annifo, Arvello, Colfiorito, Palude, Cesi e Popola, Ricciano)  e la palude di Colfiorito.

L'area paludosa è caratterizzata da una grande biodiversità di piante acquatiche (tra cui orchidee acquatiche, le ninfee e i giaggioli d'acqua). Sui rilievi sono presenti boschi e pascoli. La fauna più caratteristica del parco è quella ornitica ed in particolare il il gufo reale e il tarabuso. Tra i mammiferi si segnalano il lupo e il gatto selvatico.

 Le condizioni ambientali favoriscono  la coltivazione della patata rossa, prodotto d’eccellenza dell'Umbria, ma anche delle lenticchie e del farro.

Grazie alla loro posizione strategica, i Piani di Colfiorito sono stati abitati fin dall’antichità, come testimoniano i "castellieri", modello abitativi di epoca arcaica ancora presenti sui maggiori rilievi della zona. L'epoca romana è ampiamente rappresentata dai resti della fiorente città di Plestia

Da visitare
  • Il Castelliere di Monte Orve, importante insediamento preistorico
  • I resti archeologici della città romana di Plestina
  • Il Castello di Colfiorito
Attività

Il Parco di Colfiorito è adatto alla pratica del Trekking, della Mountain Bike e dell’Escursionismo equestre

Foto: www.parchiattivi.it

Scopri i parchi dell'Umbria

Il Parco di Colfiorito

Il Parco di Colfiorito

Il parco di Colfiorito è il più piccolo parco regionale dell'Umbria. Situato sull'Appennino umbro-marchigiano, il parco comprende i Piani di Colfiorito o Altopiani Plestini (Colle Croce, Annifo, Arvello, Colfiorito, Palude, Cesi e Popola, Ricciano)  e la palude di Colfiorito.

L'area paludosa è caratterizzata da una grande biodiversità di piante acquatiche (tra cui orchidee acquatiche, le ninfee e i giaggioli d'acqua). Sui rilievi sono presenti boschi e pascoli. La fauna più caratteristica del parco è quella ornitica ed in particolare il il gufo reale e il tarabuso. Tra i mammiferi si segnalano il lupo e il gatto selvatico.

 Le condizioni ambientali favoriscono  la coltivazione della patata rossa, prodotto d’eccellenza dell'Umbria, ma anche delle lenticchie e del farro.

Grazie alla loro posizione strategica, i Piani di Colfiorito sono stati abitati fin dall’antichità, come testimoniano i "castellieri", modello abitativi di epoca arcaica ancora presenti sui maggiori rilievi della zona. L'epoca romana è ampiamente rappresentata dai resti della fiorente città di Plestia

Da visitare
  • Il Castelliere di Monte Orve, importante insediamento preistorico
  • I resti archeologici della città romana di Plestina
  • Il Castello di Colfiorito
Attività

Il Parco di Colfiorito è adatto alla pratica del Trekking, della Mountain Bike e dell’Escursionismo equestre

Foto: www.parchiattivi.it

Scopri i parchi dell'Umbria

Il Parco di Colfiorito

Il parco di Colfiorito è il più piccolo parco regionale dell'Umbria. Situato sull'Appennino umbro-marchigiano, il parco comprende i Piani di Colfiorito o Altopiani Plestini (Colle Croce, Annifo, Arvello, Colfiorito, Palude, Cesi e Popola, Ricciano)  e la palude di Colfiorito.

L'area paludosa è caratterizzata da una grande biodiversità di piante acquatiche (tra cui orchidee acquatiche, le ninfee e i giaggioli d'acqua). Sui rilievi sono presenti boschi e pascoli. La fauna più caratteristica del parco è quella ornitica ed in particolare il il gufo reale e il tarabuso. Tra i mammiferi si segnalano il lupo e il gatto selvatico.

 Le condizioni ambientali favoriscono  la coltivazione della patata rossa, prodotto d’eccellenza dell'Umbria, ma anche delle lenticchie e del farro.

Grazie alla loro posizione strategica, i Piani di Colfiorito sono stati abitati fin dall’antichità, come testimoniano i "castellieri", modello abitativi di epoca arcaica ancora presenti sui maggiori rilievi della zona. L'epoca romana è ampiamente rappresentata dai resti della fiorente città di Plestia

Da visitare
  • Il Castelliere di Monte Orve, importante insediamento preistorico
  • I resti archeologici della città romana di Plestina
  • Il Castello di Colfiorito
Attività

Il Parco di Colfiorito è adatto alla pratica del Trekking, della Mountain Bike e dell’Escursionismo equestre

Foto: www.parchiattivi.it

Scopri i parchi dell'Umbria

Il Parco di Colfiorito

Il Parco di Colfiorito

Il parco di Colfiorito è il più piccolo parco regionale dell'Umbria. Situato sull'Appennino umbro-marchigiano, il parco comprende i Piani di Colfiorito o Altopiani Plestini (Colle Croce, Annifo, Arvello, Colfiorito, Palude, Cesi e Popola, Ricciano)  e la palude di Colfiorito.

L'area paludosa è caratterizzata da una grande biodiversità di piante acquatiche (tra cui orchidee acquatiche, le ninfee e i giaggioli d'acqua). Sui rilievi sono presenti boschi e pascoli. La fauna più caratteristica del parco è quella ornitica ed in particolare il il gufo reale e il tarabuso. Tra i mammiferi si segnalano il lupo e il gatto selvatico.

 Le condizioni ambientali favoriscono  la coltivazione della patata rossa, prodotto d’eccellenza dell'Umbria, ma anche delle lenticchie e del farro.

Grazie alla loro posizione strategica, i Piani di Colfiorito sono stati abitati fin dall’antichità, come testimoniano i "castellieri", modello abitativi di epoca arcaica ancora presenti sui maggiori rilievi della zona. L'epoca romana è ampiamente rappresentata dai resti della fiorente città di Plestia

Da visitare
  • Il Castelliere di Monte Orve, importante insediamento preistorico
  • I resti archeologici della città romana di Plestina
  • Il Castello di Colfiorito
Attività

Il Parco di Colfiorito è adatto alla pratica del Trekking, della Mountain Bike e dell’Escursionismo equestre

Foto: www.parchiattivi.it

Scopri i parchi dell'Umbria